Vitra Schaudepot – Living in a Box: Design e fumetti – dal 24 maggio al 20 ottobre 2019

evaLiving in a Box: Design and Comics
24 May – 20 October 2019, Vitra Schaudepot

 Pow! Scoppio! Ka-boom! Con la mostra “Living in a Box: Design and Comics” al Vitra Schaudepot, il Vitra Design Museum sta dando un nuovo sguardo alla sua collezione esplorando il mondo dei fumetti e il loro rapporto con il design. I mobili iconici sono protagonisti di fumetti come “Le avventure di Tintin”, “Peanuts” e “Diabolik”, mentre allo stesso tempo innumerevoli designer si sono ispirati ai fumetti per creare pezzi informati da storie di forza sovrumana, velocità lampo e rasoio un’acuta ironia

La mostra affronta entrambe queste tendenze nel primo studio del museo sul medium dei fumetti. Attraverso il mondo illustrato del fumetto, del fumetto e della graphic novel, gli oggetti della collezione del museo saltano fuori dalla pagina e prendono vita. A differenza dei fumetti e delle illustrazioni, i fumetti raccontano una storia nel corso di più pannelli, usando una combinazione di immagini e, il più delle volte, di testo. Per attirare l’attenzione del lettore, i disegnatori di fumetti devono utilizzare l’uso di codici sottili – tra cui il design – per evocare rapidamente e chiaramente un’atmosfera, uno stato sociale o uno stato mentale. Quando un personaggio di fumetti elegantemente vestito poggia i piedi sul pouf della sua personale “Eames Lounge Chair” (1943-1956), assumiamo immediatamente che è un tipo moderno; e quando un altro critica la cosiddetta “Butterfly Chair” (1938) del Grupo Austral come scomoda, sappiamo che non lo è.

Il design è apparso continuamente nei fumetti, perché il design è parte della nostra vita quotidiana, che gli artisti comici hanno sempre rispecchiato. La vera svolta del mezzo comico è probabilmente arrivata con l’avvento dei sindacati dei fumetti sui giornali statunitensi all’apice del XX secolo. Stampati su spread a colori a tutta pagina, fumetti domenicali come il “Little Nemo in Slumberland” (1905-1924) stilisticamente innovativo di Winsor McCay, sulle avventure oniriche del personaggio principale, hanno raggiunto milioni di lettori ogni settimana. La cultura dell’alta e bassa cultura era codificata visivamente e satirizzata con l’aiuto del design, e gli artisti comici in Europa cominciarono persino a fare riferimenti diretti agli oggetti di design modernista esistenti nel loro lavoro.
Ad esempio, il belga Georges Remi, conosciuto con il suo pseudonimo di Hergé, è salito alla ribalta mondiale con il suo fumetto “Le avventure di Tintin”, che è stato poi tradotto in oltre 70 lingue. Nel quinto volume del fumetto del 1934, Hergé dipinse la sedia “MR-10” di Mies van der Rohe del 1927, un oggetto che – come il suo stile di disegno ridotto in modo formale “ligne claire” – pretendeva di ridurre il materiale e la forma per funzionare. Il design e i fumetti dell’epoca condividevano inoltre una definizione simile della modernità: quella che si sforzava di essere internazionale, accessibile e prodotta in massa.

Dagli anni ’30, i fumetti sono stati pubblicati in vari formati e hanno abbracciato innumerevoli generi. Il decennio ha introdotto gli appassionati lettori di fumetti all’ampio formato di fumetti, mentre gli anni ’40 e ’50 videro l’esplosione di generi come supereroi, horror, romanzi rosa e fantascienza. E mentre i fumetti avevano sempre cercato ispirazione dagli oggetti di design esistenti, gli anni ’60 hanno inaugurato un’epoca in cui la cultura pop, compresi i fumetti, aveva una forte influenza sull’arte e sul design. Le fantastiche immagini dei fumetti fantascientifici del periodo hanno lasciato un segno su designer che hanno sperimentato simultaneamente la fibra di vetro e la plastica stampata a iniezione: la scrivania del 1969 “Boomerang” di Maurice Calka o la “Tomato Chair” 1971 di Eero Aarnio “ne sono un esempio. Negli anni ’80, artisti e disegnatori di fumetti come Javier Mariscal hanno presentato un punto di vista completamente nuovo. Dopo essersi guadagnato la reputazione di disegnare fumetti di una società spagnola di recente apertura, Mariscal ha poi creato mobili stravaganti per riempirlo, come la sedia “Garriris” del 1987, che non sarebbe mai esistita senza il successo iniziale delle sue omonime figure comiche.
Mentre i giornali stampati vengono sostituiti dai formati di notizie digitali, e le vendite di fumetti stampate sono diminuite a favore di altri mass media, i fumetti a lunghezza di libro – noti anche come graphic novel – hanno guadagnato popolarità dagli anni ’90. Il formato è stato utilizzato per temi gravi come la guerra, l’ingiustizia sociale o semplicemente per raccontare la storia in un modo che raggiunge un pubblico più vasto. Questo è il caso del romanzo grafico »Eileen Gray: A House Under the Sun«, pubblicato nel maggio 2019.
Sarebbe impossibile ignorare la rilevanza dei manga giapponesi come fenomeno culturale mondiale nel contesto della mostra “Living in a Box”. Così una selezione di manga verrà presentata con tre “Manga Chairs” (2015) dello studio di design giapponese Nendo, tutti presentati per la prima volta in una mostra al Vitra Schaudepot. Ogni sedia è progettata per rappresentare un elemento di design separato dall’intricato linguaggio visivo del manga: una sedia lampeggia attraverso la stanza alla velocità della luce, un’altra rimbalza sul pavimento e l’ultimo si accascia su se stesso – senza muoversi affatto.
»Living in a Box« giustappone fumetti di una vasta gamma di generi con corrispondenti oggetti di design della collezione del Vitra Design Museum, evidenziando lo spirito del tempo in cui sono stati progettati, sia con la penna su carta che con lo stampaggio a iniezione. Gli scaffali di Vitra Schaudepot offrono lo sfondo perfetto per le icone del design per uscire finalmente come protagonisti del proprio fumetto, creando un’esposizione allo stesso tempo giocosa e introspettiva.

Vitra Schaudepot – Living in a Box: Design e fumetti – dal 24 maggio al 20 ottobre 2019
Curatore: Erika Pinner
Vitra Schaudepot  Charles-Eames-Strasse 2  79576 Weil am Rhein  Germany
#DesignAndComics    #VitraSchaudepot  www.design-museum.de
T +49.7621.702.3200  info@design-museum.de

ORNELLA  TORRE

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...