Home Stories 100 Years, 20 Visionary Interiors – Vitra Design Museum- Dall’8 febbraio al 23 agosto 2020

Risultato immagini per Home Stories 100 Years, 20 Visionary Interiors - Vitra Design Museum- Dall’8 febbraio al 23 agosto 2020 Risultato immagini per Home Stories 100 Years, 20 Visionary Interiors - Vitra Design Museum- Dall’8 febbraio al 23 agosto 2020

Home Stories
100 Years, 20 Visionary Interiors
Dall’8 febbraio al 23 agosto 2020, Vitra Design Museum

Risultato immagini per Home Stories 100 Years, 20 Visionary Interiors - Vitra Design Museum- Dall’8 febbraio al 23 agosto 2020Le nostre case sono espressione del modo in cui viviamo, modellano le nostre routine quotidiane e influenzano fondamentalmente il nostro benessere.

Con la grande mostra »Home Storie: 100 anni, 20 Visionary Interiors «il Vitra Design Museum punta a riaprire la conversazione sull’interno privato contemporaneo e la sua evoluzione.

In un narrazione accattivante che porta i visitatori indietro nel tempo, la mostra sarà evidenziare importanti cambiamenti sociali, politici, uban e tecnici che si sono formati il design e l’uso degli interni occidentali negli ultimi 100 anni.

Risultato immagini per Home Stories 100 Years, 20 Visionary Interiors - Vitra Design Museum- Dall’8 febbraio al 23 agosto 2020Dalla corrente problemi che devono affrontare il dominio domestico – come l’uso efficiente del declino urbano spazio alla confusione dei confini tra lavoro e vita privata – il viaggio include il nostro fascino per la vita da loft negli anni ’70, il passaggio dall’abitazione formale a quella informale negli anni ’60, l’ascesa degli elettrodomestici negli anni ’50 e l’introduzione di pianificazione dello spazio aperto negli anni ’20.

La mostra è organizzata intorno alle 20 icone interni di architetti come Adolf Loos, Finn Juhl, Lina Bo Bardi e Assemble; artisti come Andy Warhol, nonché interior designer come Elsie de Wolfe e  Cecil Beaton.

Oggi, l’interior design per la casa sostiene una gigantesca economia globale di mobili, tessuti, decorazioni, e accessori lifestyle. Entrambe le tendenze passate e presenti dal mondo degli interni domestici alimentano un intero ramo dei media, compresi riviste, programmi televisivi, blog e social media canali. Tuttavia, mentre la questione degli alloggi è diventata l’argomento di vivaci dibattiti pubblici, il gli interni domestici sono sempre più carenti di un discorso serio. Questo è ancora più sorprendente poiché gli interni riflettono alcuni dei problemi più urgenti del nostro tempo. È tempo di rivedere l’interno progettazione delle nostre case.

Nel presentare interni iconici, nonché esempi che non sono necessariamente universalmente noti, la mostra »Home Stories« vuole riaccendere il discorso fondamentale sulla disciplina degli interni design.

Con le opere di designer, architetti e artisti eccezionali, “Home Stories” rifletterà come l’interior design è sempre stato ispirato, arricchito e plasmato da altre discipline, tra cui non solo architettura e design del prodotto, ma anche belle arti e scenografia.
In contrasto con il ripetitivo fai-da-te – e look ispirato a Instagram della moderna vita occidentale che spesso include lo stesso icone di design, tavolozze dei colori e arrangiamenti di mobili, la mostra costituisce un avvincente viaggio sensoriale attraverso la recente storia della sfera domestica, inclusi modelli, disegni, mobili, film e altri media

Spazio, economia, atmosfera: dal 2000 a oggi
La mostra inizia
con uno sguardo ad alcuni interni contemporanei selezionati che riflettono il radicale turni di interni privati ​​che stiamo vivendo attualmente. Come risposta all’aumento dei prezzi degli immobili e la conseguente carenza di spazio abitativo accessibile, il design a micro-alloggiamento utilizza built-in e mobili trasformabili. Questo può essere visto in »Yojigen Poketto« (che si traduce in tasca 4D), un appartamento progettato dallo studio di architettura Elii di Madrid (2017). Allo stesso tempo, innovativo progetti di conversione, come “Antivilla« vicino a Berlino (2014) di Arno Brandlhuber, che utilizza tessuti come divisori mobili di spazio: offrono strategie per l’ottimizzazione efficiente dello spazio e riflettono una nuova definizione di comfort e lusso che si basa sulla semplicità e sul linguaggio dei materiali. Un’altra società il cambiamento che si riflette nel design degli interni è la crescente rilevanza dell’economia della condivisione. Uno ne è un esempio il progetto »Granby Four Streets Community Housing« a Liverpool (2013-2017) avviato dal collettivo multidisciplinare Assemble. In stretta collaborazione con il futuro abitanti, Assemble salvò una terrazza vittoriana di case dal degrado urbano, sventrato e ridisegnato gli interni per esigenze contemporanee e aiutato a creare un laboratorio che riutilizza materiali da costruzione per creare arredi per i  nuovi spazi. Le piattaforme Internet come Airbnb, Instragram e Pinterest hanno alimentato la percezione del privato  interno come merce che può essere visualizzata e capitalizzata in qualsiasi momento. in ogni caso, il le immagini e le strategie di visualizzazione in molti interni privati ​​oggi possono ancora essere ricondotte alla pre-moderna o anche tradizioni abitative vernacolari. Questo può essere visto in una presentazione di Jasper Morrison commissionato in esclusiva per la mostra, che esplora come la disposizione degli oggetti influenza fondamentalmente il carattere e l’atmosfera di uno spazio privato.

Ripensare l’interno 1960 – 1980
La seconda sezione della mostra esamina i cambiamenti radicali nel design degli interni dagli anni ’60 al 1980. Con la diffusione del postmoderno, i designer hanno iniziato a riflettere sul significato simbolico di arredi, motivi e decorazioni, più famosi incarnati nelle opere del gruppo di progettazione Memphis. Un appassionato collezionista di disegni di Memphis, lo stilista Karl Lagerfeld ha trasformato la sua appartamento a Monte Carlo in uno showroom postmoderno di Memphis nei primi anni ’80. Durante i due decenni precedenti, gli sconvolgimenti sociali generali dell’era si riflettevano nell’interno privato. Nella collaborazione con il filosofo Paul Virilio, architetto Claude Parent ha introdotto il concetto di »the obliquo «agli interni per contrastare gli spazi neutri predominanti, simili a cubi, all’epoca prevalenti.

Risultato immagini per Home Stories 100 Years, 20 Visionary Interiors - Vitra Design Museum- Dall’8 febbraio al 23 agosto 2020Parent ha arredato il suo appartamento a Neuilly-sur-Seine, in Francia (1973), con un sistema multifunzione integrato piani inclinati che potrebbero servire in modo intercambiabile come posti a sedere, sala da pranzo o area di lavoro o divano letto.La Silver Factory di New York (1964–67) di Andy Warhol si è evoluta come un esempio esemplare di vita da loft e divenne un simbolo quasi mitico dello studio dell’artista come una combinazione ideale di vita e spazio di lavoro. Allo stesso tempo, è stato impostato il produttore di mobili e la società di vendita al dettaglio IKEA rivoluzionare l’industria con il suo programma di fornitura di mobili moderni alle masse. L’ascesa di IKEA a diventando il più grande produttore e rivenditore di mobili al mondo ha contribuito a cambiamento rivoluzionario nel modo in cui percepiamo i mobili ora, da un oggetto da cui viene trasmesso  di generazione in generazione, al prodotto di consumo di breve durata, monouso e rapidamente sostituito. Due opere in mostra presentano le idee radicali dell’interior design degli anni ’60 e ’70 in scala 1: 1 e sono accessibili ai visitatori. Il leggendario “Phantasy Landscape” (1970) di Verner Panton consisteva di elementi imbottiti di diversi colori che formavano un tunnel simile a una caverna. Come estensione della mostra all’esterno dell’edificio del museo, una ricostruzione 1: 1 di questa spettacolare installazione presentato nella caserma dei pompieri di Zaha Hadid sul campus Vitra. Di fronte al museo, La micro-casa “Hexacube” di George Candilis (1971) dimostra come prefabbricazione, modularità e nozioni di mobilità domestiche

Natura e tecnica: 1940–1960
Un’altra era decisiva nella formazione degli interni moderni furono gli anni del dopoguerra, quando il stile di interior design moderno che era stato sviluppato prima della seconda guerra mondiale è entrato nel domestico regno di un numero crescente di persone nel mondo occidentale. Durante la guerra fredda, il politico la concorrenza tra Oriente e Occidente si è cristallizzata attorno alla questione degli standard di vita, culminando nel famoso “dibattito sulla cucina” tra Richard Nixon e Nikita Krusciov ebbe luogo in una casa prefabbricata americana esposta a Mosca nel 1959. In vista di ciò, la metà del XX secolo ha visto il linguaggio degli interni moderni diventare più raffinato, e sono emersi approcci all’interior design ancora oggi rilevanti. La »casa del futuro« progettato da Peter e Alison Smithson per l’Esposizione della casa ideale a Londra nel 1956 abbracciata  metodi di prefabbricazione e automazione domestica, compresi gli ultimi elettrodomestici da cucina e a  bagno autopulente. Jacques, molto più scettico nei confronti del progresso tecnologico e del design funzionalista Tati inscenò Villa Arpel nel suo film “Mon Oncle” (1958) come una casa asettica con una mente propria, domina i suoi abitanti combinando forme e materiali moderni con una sensazione di “familiarità”, interni scandinavi divenne sempre più influente in tutto il mondo, come esemplificato dalla residenza privata di l’architetto Finn Juhl e la sua casa a Ordrup, Danimarca (1942). Juhl ha usato la propria casa per testare il mobili che ha progettato, per esplorare come funzionerebbe come parte di un interno. Inoltre, »convivere con la natura «e i» confini fluidi «tra interno ed esterno sono diventati argomenti chiave per gli architetti come Risultato immagini per Home Stories 100 Years, 20 Visionary Interiors - Vitra Design Museum- Dall’8 febbraio al 23 agosto 2020

Lina Bo Bardi e la sua Casa de Vidro a San Paolo, in Brasile (1950/51). Bernard Rudofsky, un altro architetto per contemplare il rapporto tra l’abitazione privata e il suo ambiente naturale, si è ispirato alle tradizioni edilizie vernacolari per promuovere case con stanze all’aperto. Insieme con l’artista Costantino Nivola ha creato uno spazio abitativo all’aperto noto come “Nivola HouseGarden” a Long Island, New York (1950).

Gli inizi dell’arredamento moderno: 1920–1940

Gli anni ’20 e ’30 videro la nascita di diversi concetti chiave di spazio domestico e interno decorazione che ancora oggi domina i nostri interni. In questi primi anni di design moderno, molto diverso da oggi, l’interno privato era al centro del dibattito architettonico. Questo è esemplificato su larga scala dal programma di edilizia pubblica »Das Neue Frankfurt« (1925–30). Diretto dall’architetto Ernst May includeva non solo la famosa cucina di Francoforte di Margarete Schütte Lihotzky (1926) ma anche mobili a prezzi accessibili progettati da Ferdinand Kramer e Adolf Schuster. Mentre May ha perseguito una forte agenda sociale, altri architetti hanno radicalmente reinventato il progetto distribuzione e versatilità dello spazio domestico. Nella sua Villa Tugendhat a Brno, Repubblica Ceca (1928–30), Ludwig Mies van der Rohe ha creato una delle prime case basate su un concetto a pianta aperta, con spazi fluidi in cui arredi e tessuti accuratamente posizionati hanno creato isole per diversi usi. Adolf Loos ha sostenuto il “Raumplan”, un concetto di pianificazione spaziale che non poteva essere compreso in due dimensioni a causa della sua complessità tridimensionale. Sua Villa Müller a Praga (1929–1930) presenta una sequenza accuratamente coreografata di spazi a diversi livelli e di diverse altezze, che superano la nozione standard di solaio. Fellow austriaco, architetto e prodotto il designer Josef Frank ha introdotto il concetto di “accidentale”, in base al quale gli interni sarebbero cresciuti organicamente nel tempo e sembra composto per caso.

Contrariamente a queste posizioni moderniste, alcuni dei loro contemporanei abbracciarono l’ornamento come a mezzo di espressione. Elsie de Wolfe, che pubblicò il suo libro “La casa del buon gusto” nel 1913, lo è spesso considerato come uno dei primi decoratori d’interni professionisti. De Wolfe sostenne l’interno come rappresentazione dell’identità della persona che la abita. Questo era vero anche per gli interni creati dal fotografo e architetto d’interni Cecil Beaton che ha utilizzato i suoi ambienti domestici come mezzo di espressione di se. Per la sua “Ashcombe House” (1930-1945) trasse ispirazione dalle arti, dal teatro, e persino il circo.

Nel corso del ventesimo secolo, il dibattito sul design degli interni si è evoluto tra quelli polari opposti di standardizzazione, funzionalismo e riduzione formale da un lato e individualizzazione e ornamenti dall’altro, entrambi i quali continuano a plasmare le nostre case a questo giorno. La mostra »Home Stories« rivisita alcuni dei momenti decisivi di questa evoluzione e quindi  solleva la domanda per oggi: come vogliamo vivere?
In occasione della mostra sarà pubblicato un vasto catalogo con contributi di Joseph Grima, Alice Rawsthorne e Penny Sparke e interviste a Nacho Alegre, Adam Charlap Hyman, Ilse Crawford, Sevil Peach e altri.

La presentazione del Vitra Design Museum sarà accompagnata da un poliedrico  programma di conferenze, conferenze e panel, nonché seminari e altri eventi.
segnalato  da  ornella  torre

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...