G20 AMBIENTE: GLI ANIMALISTI SOSTENGONO IL RUOLO CHIAVE DEL CAMBIAMENTO ALIMENTARE

 

 G20 AMBIENTE: GLI ANIMALISTI SOSTENGONO IL RUOLO CHIAVE DEL CAMBIAMENTO ALIMENTAREOggi al Palazzo Reale di Napoli è in corso il G20 Ambiente.

Con l’avanzare del riscaldamento globale, le politiche ambientali non possono più essere soltanto di tutela, ma devono riguardare anche gli investimenti sull’energia, per decarbonizzare l’economia, passando dalle fonti fossili alle fonti rinnovabili.

In Italia questo cambio di prospettiva è stato sancito dal passaggio delle competenze sull’energia al Ministero dell’Ambiente, ribattezzato Ministero della Transizione ecologica.

L’industria della carne è una delle principali responsabili dell’emissione di gas serra nell’atmosfera, producendo il 14% delle emissioni globali.
Si tratta di un dato rilevante considerando che tale percentuale è più dell’intero settore dei trasporti. Il consumo di carne produce un impatto maggiore rispetto a quello delle emissioni di treni, macchine, aerei e camion.

“I dati parlano chiaro: è necessario cambiare le nostre scelte alimentari, a favore di una dieta priva di carne. Abolendo e riconvertendo in altre attività produttive questa filiera si avrebbe un impatto significativo sulle emissioni globali di CO2 e metano.
Auspichiamo che dal vertice in corso si concretizzi la consapevolezza del peso dei consumi spropositati di carne.

È proprio questo consumo spasmodico a ledere il diritto di milioni di persone a vivere in un pianeta più pulito e sano, nonché a prova di cambiamento climatico”, dichiarano gli Animalisti Italiani.

Covid-19: il vaccino protegge da infezioni, ricoveri e decessi fino al 100% 

Viale Regina Elena, 29900161 Roma————————————————-Tel.  +39 06 4990.6601e-mail: ufficio.stampa@iss.itwww.iss.it 

Roma, 09 luglio 2021

Comunicato Stampa N°36/2021

Covid-19: il vaccino protegge da infezioni, ricoveri e decessi fino al 100%

Il vaccino contro il Covid-19, se si sono completate le dosi previste, è efficace circa all’80% nel proteggere dall’infezione, e fino al 100% dagli effetti più gravi della malattia, per tutte le fasce di età. Lo dimostrano i dati elaborati dall’Istituto Superiore di Sanità provenienti dall’anagrafe nazionale vaccini (AVM) e dalla sorveglianza integrata dei casi di infezione da virus SARS-CoV-2 relativi al periodo tra il 21 giugno e il 4 luglio.

Continua a leggere

CALDO: UECOOP, RISCHIO SOLE PER ANZIANI IN CITTA’, STOP USCITE

CALDO: UECOOP, RISCHIO SOLE PER ANZIANI IN CITTA’, STOP USCITE

Il caldo africano che stringe mezza Italia in una morsa di afa è una minaccia reale per 1,1 milioni di anziani che hanno più di 75 anni e vivono nelle città del Centro e del Sud da bollino arancione con il sole a picco durante il pomeriggio che fa schizzare le temperature verso i 40 gradi e blocca le uscite all’aperto dei soggetti più fragili. E’ l’allarme dell’Unione europea delle cooperative (Uecoop) in riferimento alla nuova fiammata dell’anticiclone africano a Bologna, Bolzano, Campobasso, Firenze, Frosinone, Latina, Palermo, Perugia e Rieti.

L’allerta di livello 2 – spiega Uecoop – scatta in presenza di “condizioni meteo che possono rappresentare un rischio per la salute, in particolare nei sottogruppi di popolazione più suscettibili”, mentre quella di livello 3 indica “condizioni di emergenza con possibili effetti negativi sulla salute di persone sane e attive e non solo sui sottogruppi a rischio come gli anziani, i bambini molto piccoli e le persone affette da malattie croniche”.

Continua a leggere

Nicoletta cerca casi come quello del suo bambino, affetto da sindrome da microdelezione 5q14.3

Malattie rare, l’appello di Nicoletta che cerca casi come quello del suo bambino, affetto da sindrome da microdelezione 5q14.3

In tutta Italia le famiglie sarebbero 14. Obiettivo: creare un’associazione di pazienti

Per contattare Nicoletta basta scrivere un’email all’indirizzo nikita75n@gmail.com .

Roma, 15 giugno 2021 – La sindrome da microdelezione 5q14.3 è una malattia estremamente rara: così rara che sarebbero solo 14 i casi noti in tutta Italia. Trovare, quindi, famiglie con questa patologia è difficilissimo, ma Nicoletta è determinata nel cercare casi come quello del suo Jacopo, otto anni, portatore di questa malattia con aploinsufficienza del MEF2C.

Continua a leggere

5 maggio, Giornata Mondiale dell’Asma 2021


5 maggio, Giornata Mondiale dell’Asma 2021
“Per controllare l’asma, meglio farlo con l’aiuto di tutti!”: il segreto di Respiriamo Insieme è una community per imparare a gestirla h24, una gara di meme, una survey per capire cosa fare di più e una petizione per l’asma graveQueste sono solo alcune delle attività vincenti che l’Associazione “Respiriamo Insieme-APS” è orgogliosa di promuovere in occasione della Giornata Mondiale dell’Asma. Un sostegno concreto di medici, specialisti, ricercatori, psicologi e pazienti stessi, ideato per supportare quanti soffrono di asma, asma grave e allergie, in ogni momento della giornata (e dell’anno!). E un focus mai riservato all’asma grave con una petizione per il migliorare la presa in carico, la diagnosi e la terapia
Milano, 3 maggio 2021 – L’azione è la forza di questa associazione, sempre pronta e attenta alle esigenze di quanti soffrono di asma. Una dinamicità che contraddistingue Respiriamo Insieme-APS, l’Associazione che in occasione della Giornata Mondiale dell’Asma del 5 maggio, ricorda le molteplici attività in corso.
“Crediamo in azioni sinergiche concepite e sostenute da persone diverse tra loro per competenze ma con lo stesso obiettivo condiviso: il miglioramento della qualità della vita delle persone asmatiche. Per controllare meglio l’asma – precisa Simona BARBAGLIA, Presidente dell’Associazione Respiriamo Insieme-APS e mamma di un ragazzo asmatico – serve la collaborazione di tutti, dal medico allo psicologo all’amico che ha l’asma come te. Quest’anno il tema della Giornata è un invito a superare i miti sbagliati legati all’asma, e la nostra associazione ha sempre dedicato grande attenzione all’informazione e all’educazione terapeutica al paziente attraverso le proprie attività e progetti che vedono coinvolti tutti gli stakeholder, perchè insieme siamo certi riusciremo a garantire risultati migliori per tutti”
SI CHIAMA RIC, LA COMMUNITY DI RESPIRIAMO INSIEME NATA DURANTE LA PANDEMIAGli oltre 300mila pazienti con asma, asma grave e allergie hanno uno spazio digitale di interazione e dialogo per imparare a conoscere e gestire meglio la propria malattia. Si tratta di una vera a propria comunità digitale (Respiriamo Insieme Community) creata dall’associazione Respiriamo Insieme-APS proprio durante la pandemia, destinata a tutti i pazienti, ai loro familiari, caregiver e a tutte le persone che condividono con i pazienti la vita quotidiana.“Il progetto RIC nasce dall’analisi dei bisogni emersi durante i numerosi progetti realizzati dal 2016 a oggi. A seguito delle numerose richieste ricevute nel primo lockdown – evidenzia Simona BARBAGLIA – abbiamo deciso di concretizzare questo spazio digitale di interazione e dialogo per accogliere, orientare, informare e dotare i pazienti di nuovi strumenti per gestire meglio la malattia. La nostra forza è la squadra fatta di medici, specialisti, psicologi e pazienti coinvolti in un percorso di conoscenza, consapevolezza e crescita”.
UNA GARA DI MEME PER RACCONTARE l’ASMA (E VINCERE UN CONCERTO)È possibile far conoscere l’asma attraverso una sensazione, un’esperienza, un’emozione? Respiriamo Insieme in occasione della Giornata Mondiale dell’Asma, si è ispirata al meme per far spiegare graficamente cosa significa vivere e gestire l’asma. E’ facile: basterà creare uno o più meme sulla propria esperienza (anche emozionale) con la malattia, condividerli sui propri canali social e taggare Respiriamo Insieme #asmameme #respiriamoinsiemememe per un re-post. Nel corso della Giornata Mondiale dell’Asma del 5 maggio, la giuria (composta dal Comitato scientifico e direttivo dell’associazione) voterà la migliore creazione premiandola con due biglietti di un concerto dell’artista preferito del vincitore”“L’obiettivo è quello di avviare un nuovo e più adeguato canale comunicativo riservato ai giovani, fiduciosi questo sia capace di produrre un cambiamento significativo e duraturo – spiega BARBAGLIA – nella loro consapevolezza e gestione della malattia stessa. Crediamo che la consapevolezza e il coinvolgimento possano essere raggiunti anche attraverso semplici azioni, come questa iniziativa” 
UNA SURVEY SULL’ASMA GRAVE PER SAPERE MEGLIO COME INTERVENIRERespiriamo Insieme, sin dalla sua costituzione ha l’asma grave come una tra le proprie priorità e vuole indagare questa malattia dal punto di vista del paziente attraverso una semplice survey online. Un obiettivo mai raggiunto finora e dal quale raccogliere più informazioni possibili per modellare gli interventi migliori e su misura per questi pazienti.“L’elaborazione dei dati ottenuti sarà fondamentale per andare incontro ai bisogni spesso non soddisfatti nella diagnosi e nel trattamento di questa malattia – continua BARBAGLIA – e per disegnare specifiche progettualità e attività che l’Associazione potrà realizzare a favore dei pazienti affetti da asma grave”

Continua a leggere

Il Miniset Benefico Just per sostenere la ricerca 

Da Fondazione Just Italia “Una soluzione geniale” con il Miniset Benefico Just

per aiutare la ricerca scientifica destinata all’infanzia

 Un esclusivo Miniset Benefico, composto da un beauty e da prodotti cosmetici svizzeri, promuove

il sostegno a un grande Progetto di Ricerca Medica:

donazione di 300.000 euro per indagare sul malfunzionamento del “Gene RAI1” responsabile di danni gravissimi allo sviluppo neurologico infantile

Il Miniset Benefico Just per sostenere la ricerca

Continua a leggere

Al via la settimana della Raccolta del Farmaco per i poveri: dal 9 febbraio al 15 febbraio

Al via la settimana della Raccolta del Farmaco per i poveri:
                
                              dal  9 febbraio  al  15  febbraio

Dal 2000, ogni anno, il secondo sabato di febbraio, migliaia di volontari di Banco Farmaceutico presidiano le farmacie che aderiscono all’iniziativa, invitando i cittadini a donare uno o più farmaci per gli enti caritativi del territorio. Ogni ente è collegato a una o più farmacie della propria provincia; il farmacista, in base alle indicazioni ricevute dagli enti, indirizza il cliente, suggerendo le categorie di farmaci di cui c’è maggiore ed effettivo bisogno. Inizialmente la GRF – che riguarda i soli farmaci senza obbligo di ricetta medica (over the counter) – si è concentrata sulle categorie più utilizzate: antinfluenzali, antinfiammatori e antipiretici.

Nelle farmacie che aderiscono all’iniziativa  si possono acquistare per donare uno o più prodotti da banco, che il Banco Farmaceutico provvederà a consegnare agli  enti assistenziali che si prendono cura dei poveri. 

Corso gratuito dedicato a persone con Parkinson, familiari e caregiver: ogni giovedì online dall’11 febbraio al 10 giugno.

Corso gratuito dedicato a persone con Parkinson, familiari e caregiver: ogni giovedì online dall’11 febbraio al 10 giugno.
Molti gli argomenti trattati dagli esperti nei 18 incontri di formazione, tra cui diritti del malato, alimentazione corretta, attività fisica, gestione della comunicazione in famiglia. L’idea nasce da studi che confermano come il coinvolgimento attivo del caregiver nel percorso di cura rallenti l’avanzare della malattia. Organizzano Confederazione Parkinson Italia e Fresco Parkinson Institute.

Dall’11 febbraio al 10 giugno, ogni giovedì alle ore 17

Continua a leggere

COVID. 15% FAMIGLIE FRAGILI A RISCHIO, SIPPS A ISTITUZIONI: APRIRE TAVOLO TRA PROFESSIONI

DI MAURO: DA SOLI NON SI VINCE POVERTÀ, FARE RETE PER IL FUTURO DEI GIOVANI

Roma, 2 febbraio – Ogni pediatra può trovare tra i suoi assistiti dal 10 al 15% di famiglie fragili che, tendenzialmente, diventeranno ancora più fragili. Dati che fanno scopa con l’allerta della Caritas sull’emergenza ‘nuovi poveri’ segnata da un +14% di persone cadute in situazioni di indigenza rispetto all’anno scorso.

Continua a leggere