Giovedì 26 agosto è l’International Dog Day

Giovedì 26 agosto è  la Giornata mondiale del cane, è  l’ occasione anche    per sensibilizzare contro il  vigliacco e  delinquenziale  fenomeno  dell’abbandono.

Se  non  potete  tenerlo  un  cane  o  un  altro  animale,  fate  a  meno  di  prenderlo.

                NON     ABBANDONATELO

 A  VOI  PIACEREBBE  ESSERE  ABBANDOATI, DIMENTICATI?

Il cane è festeggiato NON  SOLO  IL  26  AGOSTO  MA  ANCHE  IN  anche in altre 5 date, TRA maggio E  dicembre, ecco  in  quali  occasioni  il cane in ufficio, i cani randagi, i cani senza razza, e per   altre  occasioni  che  rendono   onore  al  cane.

La ricorrenza è NATA  nel 2004 negli Stati Uniti, per iniziativa dell’esperta di animali domestici Colleen Paige.
La data del 26 agosto si riferisce al giorno in cui la famiglia di Colleen adottò il primo cane, quando lei aveva 10 anni. Da allora, gli animalisti di vari Paesi in tutto il mondo hanno dato voce alla sua iniziativa di dedicare una giornata ai cani, che oggi si festeggia ovunque.

G20 AMBIENTE: GLI ANIMALISTI SOSTENGONO IL RUOLO CHIAVE DEL CAMBIAMENTO ALIMENTARE

 

 G20 AMBIENTE: GLI ANIMALISTI SOSTENGONO IL RUOLO CHIAVE DEL CAMBIAMENTO ALIMENTAREOggi al Palazzo Reale di Napoli è in corso il G20 Ambiente.

Con l’avanzare del riscaldamento globale, le politiche ambientali non possono più essere soltanto di tutela, ma devono riguardare anche gli investimenti sull’energia, per decarbonizzare l’economia, passando dalle fonti fossili alle fonti rinnovabili.

In Italia questo cambio di prospettiva è stato sancito dal passaggio delle competenze sull’energia al Ministero dell’Ambiente, ribattezzato Ministero della Transizione ecologica.

L’industria della carne è una delle principali responsabili dell’emissione di gas serra nell’atmosfera, producendo il 14% delle emissioni globali.
Si tratta di un dato rilevante considerando che tale percentuale è più dell’intero settore dei trasporti. Il consumo di carne produce un impatto maggiore rispetto a quello delle emissioni di treni, macchine, aerei e camion.

“I dati parlano chiaro: è necessario cambiare le nostre scelte alimentari, a favore di una dieta priva di carne. Abolendo e riconvertendo in altre attività produttive questa filiera si avrebbe un impatto significativo sulle emissioni globali di CO2 e metano.
Auspichiamo che dal vertice in corso si concretizzi la consapevolezza del peso dei consumi spropositati di carne.

È proprio questo consumo spasmodico a ledere il diritto di milioni di persone a vivere in un pianeta più pulito e sano, nonché a prova di cambiamento climatico”, dichiarano gli Animalisti Italiani.

 L’estate è appena iniziata e in Trentino un altro orso è già in pericolo di vita


 L’estate è appena iniziata e in Trentino un altro orso è già in pericolo di vita.
Si tratta di M62: suo fratello, M57, è stato catturato e rinchiuso al Casteller solo un anno fa. Cosa accomuna quindi M62 con M57 o con M49, l’orso conosciuto come Papillon? Le minacce che pendono sulle loro teste per essersi semplicemente comportati da orsi. La situazione di M62 è, però, ancora più urgente: su di lui, infatti, pende una condanna a morte.
M62 è stato avvistato nei pressi del centro urbano di Andalo a giugno, dove cercava cibo nei cassonetti. Il cibo è un richiamo per gli orsi e, nonostante la Provincia abbia iniziato un percorso di sostituzione dei cassonetti standard con quelli anti-orso ormai 12 anni fa, ancora non è riuscita a portarla a termine. Adesso, a causa dell’inefficienza della Provincia, un altro orso rischia la vita!

Da fine giugno, M62 indossa un radiocollare: secondo le linee guida provinciali, se dovesse avvicinarsi altre 2 volte al centro urbano si potrà procedere con la sua esecuzione.
Ornella, tutto questo è inaccettabile! Gli animali che vivono liberi nel loro habitat non possono continuare a pagare per le inadempienze degli esseri umani!

A TREVIGNANO ROMANO (RM): CINGHIALE VIVE IN UN FOSSO DA 3 MESI. LE ISTITUZIONI E GLI ENTI PREPOSTI SE NE FREGANO

 

 

Cinghiale che vive in un fosso a Trevignano Romano - Il Quotidiano d'Italia

LUGLIO 7, 2021DA INTERNATIONALPRESS

AIUTATECI   A  SALVARLO

TREVIGNANO ROMANO (RM): CINGHIALE VIVE IN UN FOSSO DA 3 MESI. LE ISTITUZIONI E GLI ENTI PREPOSTI SE NE FREGANO. È QUESTA LA “CIVILTÀ” DEL 2021?
https://www.youtube.com/watch?v=dOGvTS-3K8s
A Trevignano Romano (RM), da circa 3 mesi, un povero cinghiale vive in un fosso dove, probabilmente, è accidentalmente caduto.Nonostante ripetute segnalazioni al Comune, all’Ente Parco Regionale di Bracciano Martignano e ai Carabinieri Forestali nessuno è intervenuto.
Tra l’altro il cinghiale pare avere anche un problema ad un occhio.Il volontario che oggi ci ha segnalato l’accaduto, ha cercato di prendersene cura portandogli qualcosa da mangiare ed ha tentato di rimetterlo in libertà attraverso la predisposizione di uno scivolo, ma il povero cinghiale non riesce a salire.Gli Animalisti Italiani sono accorsi sul posto per monitorare la situazione e cercare di salvare la vita a quel povero essere senziente dimenticato da tutti.“Siamo letteralmente indignati. Ogni qualvolta si tratta di vite appartenenti ad una specie diversa da quella umana, le istituzioni preposte minimizzano e se ne lavano le mani.Nessuno merita di vivere in un fosso.
È una creatura innocente tra l’altro anche con una situazione di salute carente.
Solo perché si tratta di un cinghiale si sta concretizzando la solita discriminazione nei confronti di chi si presume abbia meno diritti di noi”.Una delle più grandi presunzioni umane sicuramente è quella di credere che la nostra specie sia al centro della creazione col diritto di disporre della vita delle altre otto milioni e settecento mila specie animali esistenti sul pianeta, che è come credere che la goccia sia l’oceano o il granello di sabbia sia il deserto.Il problema nasce quando una specie agisce in modo devastante nei confronti delle altre fino a portarle alla morte e all’estinzione.La grandezza di una nazione e il suo progresso morale si possono giudicare dal modo in cui essa tratta gli animali (Gandhi)
Postato just now da ornella torre

Lipu:L’8 giugno è la Giornata degli Oceani, una giornata importantissima per chi ama la natura.

L’8 giugno è la Giornata degli Oceani, una giornata importantissima per chi ama la natura.

Una giornata che serve a ricordarci che, se non ci prendiamo cura dell’ambiente marino e della biodiversità, anche la nostra vita è a rischio.

Quando pensiamo alla vita nel mare pensiamo subito ai delfini, alle tartarughe marine, agli squali. Ma gli ambienti marini sono anche la casa di centinaia di specie di uccelli come le straordinarie berte, gli uccelli simbolo delle isole Pelagie, che secondo le leggende hanno ispirato il mito delle sirene.

Purtroppo oggi la vita delle berte e di altri animali marini è gravemente minacciata dalla pesca non sostenibile.

Solo in Europa, si stima che ogni anno più di 200.000 uccelli marini muoiano a causa delle catture accidentali causate dalle tecniche di pesca non sostenibili. Impigliati agli ami, intrappolati nelle reti da pesca, destinati ad una fine terribile. In gergo tecnico lo chiamano “bycatch”, è una strage silenziosa che dobbiamo fermare.

Per questo la Lipu ha aderito ad un grande progetto internazionale, il MedBycatch. Grazie a questa iniziativa scienziati, pescatori e istituzioni stanno lavorando insieme per ridurre e, possibilmente, eliminare il bycatch di specie vulnerabili attraverso l’utilizzo di tecniche di pesca sostenibili.

5 giugno Giornata Mondiale dell’Ambiente

Ambiente, le 8 priorità del Governo per il triennio 2020-2022

5 giugno Giornata Mondiale dell’Ambiente

Istituita dall’Assemblea Generale dell’ONU nel 1972, per ricordare la  Conferenza sull’Ambiente svoltasi a Stoccolma dal 5 al 16 giugno 1972.

 Durante la Conferenza di Stoccolma, si  elaborò  il Programma Ambiente delle Nazioni Unite.

Sono oltre 100 Paesi del mondo, fra  i  quali  anche  l’Italia..  che  aderiscono.

lo scopo è  di  prendere  consapevolezza, cura e  rispetto del nostro Pianeta.

Noi tutti siamo  responsabili  di  ciò  che  accade  al  nostro  pianeta e  noi  tutti  possiamo  nel nostro  piccolo  a  contribuire a  migliorare   l’ambiente  che  ci  circonda  anche  con  piccoli  gesti  quotidiani.

VAL BORMIDA E ACQUESE

VAL BORMIDA E ACQUESE:

CULTURA, SPETTACOLO, SPORT E NATURA 

PER IMMERGERSI NEI TERRITORI DOVE NASCONO 

L’ASTI SPUMANTE E IL MOSCATO D’ASTI DOCG.

Val Bormida e Acquese: cultura, spettacolo, sport e natura per immergersi  nei territori dove nascono l'Asti Spumante e il Moscato d'Asti Docg -  Lavocedialba.it

Asti, 28 maggio 2021 – Le colline piemontesi dove nascono l’Asti spumante e il Moscato d’Asti Docg custodiscono piccoli tesori: dai paesaggi Patrimonio dell’Umanità UNESCO alle dimore di charme, dalle esperienze enogastronomiche di altissimo livello alle tante attività da praticare all’aria aperta. Non mancano gli eventi, che durante la bella stagione, con le temperature miti e le giornate soleggiate, animano le zone di produzione delle bollicine aromatiche piemontesi più amate del mondo. 

Continua a leggere

Basta con le pellicce mortali!

Basta con le pellicce mortali!

Il commercio di pellicce è un affare mortale poiché milioni di animali in Europa soffrono e vengono uccisi per la loro pelliccia. Nuove prove mostrano che gli allevamenti di animali da pelliccia fungono anche da incubatori per il coronavirus. Invita l’UE a vietare gli allevamenti di animali da pelliccia! FIRMA ORA!

ARIA DI FESTA AL PARCO LE CORNELLE

ARIA DI FESTA AL PARCO LE CORNELLE:

SI CELEBRA LA NASCITA DI QUATTRO CUCCIOLI

E L’ARRIVO DI KITALE E NAROK, UNA COPPIA DI GNU

Una cucciola di Pinguino, un pulcino di Gru dal collo bianco e due piccoli Gufi, il Parco festeggia le nuove nascite e l’arrivo dalla Germania di una coppia di Gnu. Da oggi fino a giovedì 27 maggio, su Facebook il contest per assegnare un nome alla cucciola di Pinguino di Humboldt.

Bergamo, 25 maggio 2021– Dopo la gioia della riapertura al pubblico del Parco faunistico Le Cornelle, ci sono nuovi arrivi ad aspettare i visitatori per una gita che si tinge di rosa e di azzurro: una cucciola di Pinguino, un pulcino di Gru dal collo bianco e due piccoli Gufi. Nascite dalle storie singolari che rendono l’atmosfera all’interno del Parco ancora più festosa. Ma non solo nuovi nati, anche nuovi arrivi, direttamente dalla Germania, con la coppia di Gnu e un nuovo contest Facebook per assegnare un nome alla cucciola di Pinguino di Humboldt.

Continua a leggere